Magnesio e Crampi: Un Legame da Esplorare

Il magnesio e crampi sono due termini che spesso vengono associati.

Il magnesio è un minerale essenziale per il corpo umano, necessario per la trasmissione nervosa e la contrazione muscolare.

Ma qual è il suo ruolo effettivo nel prevenire o curare i crampi muscolari? Scopriamolo insieme.

Cos’è un Crampo Muscolare?

Un crampo muscolare è una contrazione improvvisa, dolorosa e prolungata delle fibre muscolari scheletriche.

I crampi muscolari possono verificarsi come fenomeno isolato (idiopatico) o possono essere associati a malattie.

Le cause dei crampi muscolari non sono ancora ben conosciute, ma si ipotizza un’origine neurogenica basata sull’insorgenza di crampi in alcune malattie neuromuscolari (1).

Il Ruolo del Magnesio

Il magnesio e crampi sono spesso associati perché il magnesio è uno dei minerali richiesti dal corpo umano per la trasmissione nervosa e la contrazione muscolare.

Gli studi suggeriscono che l’assunzione di magnesio potrebbe migliorare l’assorbimento di glucosio e limitare l’accumulo di lattato nel muscolo scheletrico, migliorando così le prestazioni fisiche (1).

Tuttavia, il ruolo della supplementazione di magnesio nella prevenzione e/o nel trattamento dei crampi muscolari rimane incerto.

Nonostante il magnesio sia spesso commercializzato come profilassi over-the-counter per i crampi muscolari, la sua efficacia non è ancora stata definitivamente provata.

Magnesio e Crampi: Cosa Dicono gli Studi

Una revisione Cochrane ha cercato di indagare l’efficacia e la sicurezza della supplementazione di magnesio nelle persone con crampi muscolari scheletrici. La revisione ha incluso 11 studi, per un totale di 735 pazienti. I partecipanti erano persone sane, in particolare adulti più anziani, tranne uno studio che includeva pazienti con cirrosi epatica o donne incintee (1)..

La revisione mostra che la supplementazione orale o endovenosa di magnesio, rispetto al placebo, per il trattamento dei crampi idiopatici a riposo:

  • Non ha ridotto significativamente la frequenza dei crampi misurata in termini di percentuale di cambiamento rispetto al baseline a 1 mesee (1)..
  • Non ha aumentato significativamente i “rispondenti” (riduzione del 25% o più) a 1 mese (1).
  • Non ha ridotto significativamente l’intensità dei crampi né la durata dei crampi a 1 mese (1).

Inoltre, non ha aumentato significativamente il rischio di eventi avversi maggiori o minori.

Gli eventi avversi gastrointestinali, in particolare la diarrea, sono stati segnalati dall’11% al 37% dei partecipanti che assumevano magnesio per via orale, mentre una sensazione di bruciore nel sito di infusione è stata segnalata dalla metà dei pazienti che ricevevano magnesio per via endovenosa (1).

Conclusioni sul magnesio e crampi

Gli autori della revisione Cochrane hanno concluso che è improbabile che la supplementazione di magnesio sia efficace per i crampi muscolari scheletrici idiopatici a qualsiasi dosaggio e via di somministrazione utilizzati.

Inoltre, le prove sul ruolo dell’amministrazione di magnesio nei crampi muscolari associati alla gravidanza sono contrastanti, mentre quelle sulla stessa intervento per i crampi muscolari legati all’esercizio fisico o alle malattie non sono affidabili (1).

In conclusione, nonostante l’associazione comune tra magnesio e crampi, le prove scientifiche non supportano l’efficacia del magnesio come trattamento per i crampi muscolari.

Tuttavia, è importante ricordare che ogni individuo è unico e che ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra.

Pertanto, se si soffre di crampi muscolari frequenti, è sempre consigliabile consultare un medico o un dietista registrato per discutere le possibili opzioni di trattamento.