Gli Alcolici sono Vegani?

In breve, la maggior parte degli alcolici sono vegani, ma bisogna fare attenzione ad alcuni ingredienti e processi di produzione che potrebbero renderli non adatti a un’alimentazione 100% vegetale.

Vino, birra e liquori sono generalmente ottenuti da materie prime vegetali come uva, cereali e piante. Tuttavia, durante la loro lavorazione, possono essere utilizzate sostanze di origine animale per chiarificare, filtrare o stabilizzare il prodotto finale.

l'alcol è vegano

Vino vegano: attenzione ai coadiuvanti di origine animale

Il vino è ottenuto dalla fermentazione dell’uva, quindi sembrerebbe un prodotto adatto ai vegani. In realtà, durante il processo di vinificazione possono essere impiegati alcuni coadiuvanti di origine animale per rendere il vino più limpido e stabile:

  • Gelatina animale
  • Colla di pesce
  • Albume d’uovo
  • Caseina del latte
  • Chitina da gusci di crostacei

Questi additivi non rimangono nel prodotto finale, ma vengono comunque utilizzati nella lavorazione. Per avere la certezza di bere un vino vegano, è necessario verificare che siano stati usati solo coadiuvanti vegetali o minerali come bentonite, gel di silice e proteine vegetali.

Alcuni produttori hanno scelto di certificare i propri vini come vegani, ma sono ancora pochi. In Italia il marchio Veganok garantisce l’assenza di qualsiasi sostanza animale.

Birra vegana: la maggior parte dei marchi è ok

La birra è generalmente prodotta con acqua, malto d’orzo, lievito e luppolo. Quasi tutte le birre in commercio sono quindi vegane.

Fanno eccezione alcune birre speciali o aromatizzate che possono contenere:

  • Miele
  • Lattosio
  • Coloranti di origine animale come il carminio

In Germania vige il “Reinheitsgebot”, l’editto sulla purezza della birra emanato nel 1516 che limita gli ingredienti ai soli cereali, luppolo e acqua. Le birre tedesche tradizionali sono quindi sicuramente vegan-friendly.

Tra i marchi di birra vegani più diffusi in Italia ci sono Beck’s, Guinness, Heineken, Moretti, Peroni. Per avere un elenco completo e aggiornato, il sito Barnivore.com è un ottimo riferimento.

Liquori e distillati: la scelta vegana è ampia

I superalcolici come vodka, whisky, rum e gin sono quasi sempre vegani perché derivano dalla distillazione di cereali o frutta. Bisogna però fare attenzione ad alcuni liquori che possono contenere:

  • Miele
  • Panna o latte
  • Uova
  • Coloranti animali come cocciniglia

Ad esempio, molti liquori alla crema non sono vegani. Anche alcuni whisky e brandy invecchiati in botti che contenevano vino chiarificato con additivi animali potrebbero non essere adatti.

In generale, i liquori trasparenti non contengono ingredienti animali, mentre è bene controllare l’etichetta per i liquori cremosi, alle erbe o alla frutta.

Come scegliere alcolici vegani

Per essere certi di bere vegan, il consiglio è di:

  1. Controllare la lista degli ingredienti, se presenti
  2. Cercare il marchio Veganok o altre certificazioni vegane
  3. Consultare il sito Barnivore.com che raccoglie informazioni su migliaia di alcolici
  4. Contattare direttamente i produttori per avere informazioni

Con un po’ di attenzione, i vegani possono brindare in serenità scegliendo tra un’ampia gamma di vini, birre e alcolici privi di ingredienti animali. Salute!

Includiamo nei nostri articoli prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti attraverso i link presenti in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione.

Scopri il nostro processo

Selezioniamo attentamente i prodotti e le marche che raccomandiamo. Il nostro team ricerca, prova, valuta e analizza altre recensioni dei consumatori per garantire che i prodotti che suggeriamo siano di alta qualità e utili per i nostri lettori. Leggi la nostra informativa completa qui.


Siamo partecipanti al Programma Affiliazione Amazon, un programma di pubblicità per affiliati progettato per offrire un mezzo per i siti di guadagnare commissioni pubblicitarie.